Su Google si fanno largo le ricerche dei principi attivi

dicembre 16, 2013 in Pharma on line di Oscar Lambrughi

Se trovi interessante questo articolo, iscriviti alla Newsletter mensile di Digital Pharma.
Lascia l’indirizzo email nel box a destra e sarai sempre aggiornato sul mondo del marketing e della comunicazione farmaceutica.

Oltre un terzo degli italiani ricerca informazioni sulla propria salute online, questo è quanto emerge da una ricerca che ha aggregato i dati Censis,  Google (Trends Forrester), fotografando il mondo del farmaco sul web

Aziende farmaceutiche ItalianeI pazienti cercano in particolar modo indicazioni, commenti e scambi di esperienze sul web. Anche se il medico rimane la fonte primaria per ottenere informazioni (56%), il web viene consultato più del farmacista (4%). Principalmente la ricerca riguarda chiarimenti sulle patologie (90%), sulle strutture sanitarie a cui rivolgersi (59%) e per confrontarsi con altri utenti. Accanto a queste azioni di tipo informativo, online gli italiani prenotano visite ed esami (15%)e acquistano farmaci (3%) (dati Censis 2012).

Ma non solo i pazienti, anche i medici fanno largo uso del web canale digitale. I dati di Google mostrano come gli operatori sanitari cerchino approfondimenti relativi ai pazienti,  aggiornamenti scientifici e informazioni sui prodotti farmaceutici: a seguito di un incontro con un rappresentante farmaceutico (34%), dopo aver visto la promozione di un farmaco e per avere dati sulle controindicazioni dei medicinali (61%).

L’attività più frequente rimane, però, quella di scambiarsi informazioni su patologie e farmaci: in America, soprattutto (dati Forrester), oltre il 50% della vendita dei farmaci è influenzata da informazioni raccolte online e il 7% degli acquisti avviene sul web.
Secondo una ricerca della Pfizer, per esempio, ogni giorno sono più di 500 i gruppi parlano di diabete, 36mila i video dedicati a interventi chirurgici, 170 mila i pazienti iscritti a Social Network specializzati che parlano della loro condizione cronica e di possibili trattamenti.

Per quanto riguarda le parole più cercate sui motori di ricerca, quelle che riguardano i nomi dei principi attivi sono sempre più numerose e a volte superano quelle dei brand.
Anche se Aspirina e Tachipirina sono più cliccati su Google rispetto all’acido acetilsalicilico e al paracetamolo, le query legate all’ibuprofene hanno superato quelle del Moment o dello Spidifen. Ma anche tra i mucolitici, il brand prevale sul principio attivo: Fluimucil è ancora più ricercato dell’acetilcisteina.

Le persone usano i motori di ricerca perché interessati e soggetti attivi nell’ottenere informazioni riguardo il loro stato di salute o quello delle persone che gli stanno accanto, o nel caso di operatori sanitari, materiali legati alla loro professione. I trend di ricerca sono quindi un’utile strumento per le aziende farmaceutiche, che possono da questi dati capire quanto è conosciuta l’area terapeutica di interesse e i trattamenti e personalizzare poi la strategia di marketing, fornendo le informazioni che il target effettivamente richiede.