Se trovi interessante questo articolo, iscriviti alla Newsletter mensile di Digital Pharma.
Lascia l’indirizzo email nel box a destra e sarai sempre aggiornato sul mondo del marketing e della comunicazione farmaceutica.
Oscar Lambrughi

Realtà virtuale: molto di più di un gioco da ragazzi

febbraio 16, 2015 in e-Health

Sul numero di maggio di aboutpharma è uscito un mio articolo che parla di realtà immersiva e oculus rift “Realtà virtuale: molto di più di un gioco da ragazzi” , che riporto di seguito.

oculus-riftDurante gli AboutPharma Award di quest’anno abbiamo avuto la possibilità di assistere a diversi esempi di innovazione digitale, applicata in ambito Pharma ed Healthcare in Italia. Oltre a un evento celebrativo, è stato, infatti, anche un catalizzatore di stimoli e idee, una fonte per conoscere il progresso delle nuove tecnologie, come queste continuano ogni anno a cambiare e trasformarsi, e per osmosi come influenzano l’evolversi delle relazioni e della comunicazione.

La formazione, per esempio, è solo uno dei tanti campi che viene continuamente influenzato dall’evoluzione tecnologica, applicando soluzioni anche solo qualche tempo fa inaspettate: in un recente passato l’innovazione era la FAD, oggi si parla di gamification e simulazione immersiva. Partecipando a diversi eventi formativi come docente ho potuto, infatti, vivere la profonda diversità tra una tradizionale discussione orale/visiva rispetto a una esperenziale dove le persone “imparano facendo” (Learning by doing – Rif. The Cone of Experience di Edgar Dale).

Le tecnologie ‘esperienziali’ e ‘immersive’ hanno la capacità di trasportare l’utente all’interno di un contesto virtuale predefinito e fargli vivere un’esperienza reale.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Perchè un ePatient Manifesto?

luglio 24, 2014 in e-Health

epatient manifesto

L’ePatient Manifesto è stato pensato per essere “affisso” sul WEB, perché le situazioni sbagliate o insufficienti che siano, possono  cambiare solo agendo sulla cultura e sulla consapevolezza delle persone.
Il WEB e la socialità in rete sono un ottimo strumento per condividere le proprie idee e, così facendo, cercare di modificare le cose, in meglio.

Nello specifico dei contenuti e parlando della motivazione che ne ha originato l’esigenza, questa è da ritrovarsi nella mia personale considerazione che le “tecnologie” a disposizione, il web, il digital, il mobile, rappresentano una grandissima risorsa, ancora poco o pochissimo utilizzata, che potrebbe da una parte incidere nel miglioramento della qualità di vita delle persone, soprattutto se affette da patologie, e dall’altra incidere positivamente anche sulla loro salute.

Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

La salute è online

aprile 30, 2014 in e-Health

Abbiamo già discusso ampiamente di quanto grazie al web oggi tutti possano accedere a un infinito numero di informazioni sulla salute e nello stesso tempo esserne autori, promotori e influenzatori.  Per chi si occupa di marketing e comunicazione in area salute, è fondamentale fermarsi e analizzare con estrema attenzione l’impatto che il web e i social hanno sulla società contemporanea e da qui studiare e definire un piano d’intervento possibile.

Abbiamo quindi voluto rappresentare in un’infografica i vari dati raccolti, pubblicati in diversi studi del 2013, che descrivono la situazione italiana. Quanti sono gli italiani che utilizzano il web per ricercare informazioni sulla salute? Quali sono i canali utilizzati? Quale tipologia di informazioni ricercano? E come cambia la figura del medico nell’era digitale?

Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

eHealth tra i medici di medicina generale europei

aprile 11, 2014 in e-Health

Pubblicata la relazione finale dello studio “Benchmarking Deployment of eHealth among General Practitioners – 2013” della Commissione europea, che riporta un sondaggio di Medici di Medicina Generale (MMG), condotto in 31 Paesi (EU27 + Croazia, Islanda, Norvegia e Turchia) per valutare, misurare e spiegare i livelli di utilizzo servizi eHealth. È stato intervistato un campione casuale di 9.196 medici, con l’obiettivo di raccogliere informazioni sul ruolo dell’ehealth nella loro professione, importanti per valutare le potenzialità e i futuri sviluppi del digitali all’interno dei sistemi sanitari e nell’assistenza sociale.
L’indagine mostra che l’accesso e l’uso delle ICT di base, come può essere un computer connesso a Internet nella sala di consultazione, è diventata quasi universale in tutti i paesi (97% degli intervistati). Per quanto riguarda le funzionalità più avanzate, invece, come gli EHR – Electronic Health Records, HIE – Health Information Exchange, strumenti di telemedicina e le cartelle cliniche personali (PHR), i dati mostrano che sono necessari ulteriori progressi.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Digital Health funding 2013

gennaio 16, 2014 in e-Health

I finanziamenti nella sanità digitale nel 2013 sono cresciuti del 39% rispetto all’anno precedente e più che raddoppiati rispetto al 2011, arrivando a superare 1,9 miliardi di dollari.
Questo è quanto emerso dal report annuale di Rock Health, “Digital Health Funding 2013 Year in Review”.

Anche il numero di operazioni è cresciuto del 38% rispetto il 2012 e del 134% dal 2011 e ben 186 sono le diverse società che hanno investito in digital health più di 2 milioni di euro.

digital-health-funding
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Healthcare Appcessories: protagonisti della prossima rivoluzione digitale

agosto 28, 2013 in e-Health

In un mio post di febbraio ho scritto di quanto l’auto-diagnosi eseguita tramite smartphone abbia dato impulso a un mercato tanto creativo quanto ambizioso. La crescente necessità del paziente di ricevere informazioni precise e su misura, trova un ottimo alleato nei mobile devices e nelle app, quest’ultime, sfruttando i sensori ospitati da smartphone e tablet, riescono a rilevare i segnali vitali del paziente per poi tradurli in informazioni sullo stato di salute e sulla terapia adottata.

La scansione dei segnali biometrici tramite smartphone è una tecnologia adottata anche in altri ambiti, soprattutto in quello sportivo, ma ancora una volta è l’industria farmaceutica a dare nuovi stimoli al settore.
Secondo quanto emerso dall’ultimo Engadget Expand 2013 – importante esposizione per dispositivi tecnologicamente avanzati, svoltasi a San Francisco a marzo di quest’anno – saranno l’industria del Pharma e dell’Healthcare a dare ispirazione per i digital devices di prossima generazione.  Nel corso dell’evento si è parlato di come il progresso tecnologico e culturale dell’era di internet abbia accorciato le distanze tra le persone, permettendo loro di condividere esperienze e conoscenze in modo diretto, ma si è anche discusso del fatto che ancora oggi esistono informazioni di importanza vitale che risultano essere inaccessibili.

In ogni istante il nostro corpo produce una quantità enorme di “dati”, ma nella maggior parte dei casi vengono raccolti e analizzati solo durante sporadiche visite mediche, che di certo non bastano a sviluppare un quadro clinico completo.
Considerando il ruolo fondamentale che giocano la prevenzione e la diagnosi precoce, raccogliere in modo semplice informazioni sullo stato di salute migliorerebbe in modo sensibilie la qualità della vita, per questa ragione la semplificazione dell’accesso ai dati biometrici è la nuova sfida tecnologica e i partner naturali sono le industrie farmaceutiche.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Beyond the Pill: valore e non solo pillole

luglio 29, 2013 in e-Health

Nel post di oggi vorrei parlare del concetto di “beyond the pill”, ovvero della “missione” che le aziende farmaceutiche devono intraprendere al giorno d’oggi: gli stakeholder non vogliono più solamente un prodotto, ma richiedono dei servizi aggiunti, per fornire del valore aggiunto.

Il concetto di “beyond the pill” è ben noto alle case farmaceutiche da molto tempo, ma solo oggi assistiamo ai primi tentativi di mettere in pratica delle strategie per migliorare gli health outcomes dei pazienti.
L’andare dunque oltre la semplice offerta di trattamenti non solo può portare vantaggi di tipo monetario all’azienda, si pensi, per esempio, all’aumento dell’aderenza alle terapie, ma le permette anche di differenziarsi nello scenario competitivo.

Le principali strade da seguire per fornire maggior valore sono:

  • creare awareness sulle aree terapeutiche di interesse,
  • fornire informazioni utili per la diagnosi delle patologie,
  • promuovere l’inizio della terapia e la corretta assunzione dei farmaci (patient adherence),
  • migliorare l’accesso ai farmaci e fornire un supporto generale al paziente.

Eyeforpharma ha sviluppato una serie di webinar dedicati all’argomento “beyond the pill”, di cui riassumo le evidenze più rilevanti che sono emerse.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Vivacare: i medici migliorano la cura del paziente online

marzo 8, 2013 in e-Health

Oggi parliamo di Vivacare un portale web che aiuta i cardiologi, i medici di famiglia e gli operatori sanitari a educare i pazienti sulle malattie cardiache e le diverse opzioni di trattamento.
Vivacare permette, infatti, al medico di far visualizzare del contenuto informativo sul proprio sito web, che si trasforma così in una risorsa utile e approfondita sulle malattie cardiache.

Quasi 10.000 i medici si sono iscritti per i servizi gratuiti di Vivacare per l’educazione del paziente. “I medici restano la fonte più attendibile per le informazioni sulla salute, ma le loro esigenze quotidiane rendono difficile fornire tutte le informazioni che i pazienti avrebbero bisogno per gestire con efficacia la loro condizione“, ha detto il Dott. Mark Becker, pediatra e fondatore di Vivacare, “Vivacare rende facile per i medici offrire ai propri pazienti informazioni pratiche e migliora la i trattamenti terapeutici e l’adesione farmaci.”

Vivacare è un’azienda di Berkeley, che può contare su numerosi partner, come organizzazioni mediche, società professionali, associazioni di pazienti e le aziende farmaceutiche. Tutti gruppi possono proporre dei contenuti educativi da mettere online sul portale e che potranno quindi essere pubblicati sui vari siti web dei medici.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

2013, l’anno della trasformazione sanitaria secondo PWC

febbraio 4, 2013 in e-Health

La tecnologia, il mercato l’andamento dei consumi hanno e stanno cambiando fortemente l’assistenza sanitaria negli Stati Uniti.  PricewaterhouseCoopers ha pubblicato a gennaio il report dal titolo “Top health industry issues of 2013”, in cui si delineano i principali cambiamenti del settore sanitario che caratterizzeranno il 2013. Il report si focalizza sui trend che influenzano le riforme sanitarie, i pazienti, le società assicurative, le strutture sanitarie e le imprese dell’industria farmaceutica.
In questo post vi propongo dunque una sintesi del report che può essere utile anche per capire meglio come nel nostro Paese i mutamenti in campo healthcare vadano a influenzare le aziende farmaceutiche.

Il documento di PWC evidenzia come il cambiamento globale nelle modalità con cui verranno finanziati e forniti i servizi sanitari porterà le imprese farmaceutiche a essere messe al centro dell’attenzione per quanto riguarda le proprie offerte, che dovranno essere in grado di differenziare rispetto a quelle dei propri concorrenti all’interno di un mercato sempre più affollato ed esigente.
Alcuni risultati dell’indagine, che confermano quanto abbiamo precedentemente discusso in altri post, rivelano che:

  • La comunicazione digitale diviene sempre più diffusa. Più di un quarto dei pazienti intervistati afferma di aver comunicato con i propri caregiver via e-mail o SMS e di esserne soddisfatti.

pwc-hri-top-health-industry-issues

  • La preoccupazione per la privacy aumenta con  ’aumentare dell’accesso ai dati sanitari. Il 73% dei pazienti afferma di essere preoccupato per la privacy dei propri dati visto che il personale sanitario è oggi in grado di potervi accedere dai propri dispositivi mobili.

Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Il 35% cerca una diagnosi online: Health Online report

gennaio 22, 2013 in e-Health

Il 15 gennaio 2013 è uscito il report “Health Online 2013” di Pew Internet, che analizza come il web viene utilizzato per ricercare informazioni sulla salute (guarda il report Pew sul mobile health)

Riporto qui i risultati che provengono dal sondaggio effettuato su 3.014 adulti che vivono negli Stati Uniti, con interviste effettuate dal 7 agosto al 6 settembre 2012.
Sono sempre più numerose le persone che cercano informazioni su internet, dalla ricerca risulta che si tratta dell’81% degli americani, di questi è il 59% che ha fatto ricerche in ambito salute. Il 35% degli statunitensi è andato appositamente online per cercare di capire il proprio stato di salute o quello di un familiare. Quest’ultimi vengono definiti “diagnosers online”, in quanto cercano di fare una diagnosi attraverso le informazioni che trovano sul web, solo la metà di loro si è rivolge successivamente a un medico per una visita, che nel 41% conferma la diagnosi fatta “online”, nel 2% conferma parzialmente, nel 18% dà una diagnosi diversa.

Importante è poi riscontrare che il 70% degli intervistati chiede informazioni e aiuto al medico o a un altro operatore sanitario, il 60% agli amici o ai familiari e il 24% a persone che sono nella stessa condizione di salute.

Pew-Internet-Health-Online-report
Leggi il resto di questa voce →