eHealth tra i medici di medicina generale europei

aprile 11, 2014 in e-Health di Oscar Lambrughi

Se trovi interessante questo articolo, iscriviti alla Newsletter mensile di Digital Pharma.
Lascia l’indirizzo email nel box a destra e sarai sempre aggiornato sul mondo del marketing e della comunicazione farmaceutica.

Pubblicata la relazione finale dello studio “Benchmarking Deployment of eHealth among General Practitioners – 2013” della Commissione europea, che riporta un sondaggio di Medici di Medicina Generale (MMG), condotto in 31 Paesi (EU27 + Croazia, Islanda, Norvegia e Turchia) per valutare, misurare e spiegare i livelli di utilizzo servizi eHealth. È stato intervistato un campione casuale di 9.196 medici, con l’obiettivo di raccogliere informazioni sul ruolo dell’ehealth nella loro professione, importanti per valutare le potenzialità e i futuri sviluppi del digitali all’interno dei sistemi sanitari e nell’assistenza sociale.
L’indagine mostra che l’accesso e l’uso delle ICT di base, come può essere un computer connesso a Internet nella sala di consultazione, è diventata quasi universale in tutti i paesi (97% degli intervistati). Per quanto riguarda le funzionalità più avanzate, invece, come gli EHR – Electronic Health Records, HIE – Health Information Exchange, strumenti di telemedicina e le cartelle cliniche personali (PHR), i dati mostrano che sono necessari ulteriori progressi.

Riportiamo i dati raccolti nello studio sulle principali modalità di utilizzo dei vari strumenti eHealth sopra elencati dai medici MMG.

EHR: from awareness to use

use-ehr-pharma

 

HIE: from awareness to use

 hie-use-mmg-europe

Telehealth: from awareness to use

telehealth-use-mmg

PHR: from awareness to use

phr-use-mmg

L’adozione di questi strumenti sono solitamente condizionate dall’attitude personale dei medici verso la tecnologia, nonché dagli effetti a livello di Paese e dalla percezione degli impatti e barriere che può avere l’eHealth. La maggior parte dei medici pone, infatti, maggiormente l’accento sugli ostacoli che sulle facilità delle prestazioni di questi strumenti, identifica la mancanza di incentivi e di risorse finanziarie per la completa e corretta adozione e la mancanza di un quadro normativo su temi connessi come la privacy e la riservatezza dei dati.
Ecco allora che la completa adozione degli strumenti eHealth, in linea con gli obiettivi europei, impone agli Stati membri di affrontare ancora parecchie sfide sia politiche sia organizzative in grado di garantire la piena sostenibilità del sistema.

Final report – Benchmarking Deployment of eHealth among General Practitioners [scarica pdf]
Executive Summary – Benchmarking Deployment of eHealth among General Practitioners [scarica pdf]