Metà degli europei guardano video online sulla salute

settembre 24, 2014 in Social media di Oscar Lambrughi

Se trovi interessante questo articolo, iscriviti alla Newsletter mensile di Digital Pharma.
Lascia l’indirizzo email nel box a destra e sarai sempre aggiornato sul mondo del marketing e della comunicazione farmaceutica.

Secondo la Manhattan Research è la metà degli  europei che nel 2013 hanno guardato video online inerenti il tema salute. I dati sono relativi all’annuale report Cybercitizen Health® Europe 2013.

video healthLa fruizione di video dedicati alla salute sembra una tendenza in crescita, dati che non devono essere sottovalutati dalle aziende farmaceutiche “”il Marketing non può più permettersi di ignorare l’ampia adozione di video per la salute online nel mercato europeo dei consumatori.” riassume così Rory Stanton, analista dell’unità Manhattan Research Decision Resources che ha effettuato la ricerca ‘”Considerando come i video sanitari possono essere influenti sul comportamento del paziente, è più che mai importante sviluppare in modo efficace contenuti video, distribuendoli oltre i siti pharma“.

Anche se le aziende farmaceutiche stanno sempre più adottando questo canale, lo studio sottolinea come esso non sia ancora sfruttato nel suo pieno potenziale di mezzo di comunicazione paziente-azienda.

Il report della Manhattan ha individuato anche cinque aree terapeutiche, in cui il video è attualmente più utilizzato:

  • Osteoporosi
  • Allergia
  • Ansia
  • Psoriasi
  • Ipertensione

Inoltre, il rapporto ha misurato i tipi di video più popolari per gli utenti europei, che sono quelli con informazioni, notizie di salute, e l’esercizio fisico e fitness.

I motori di ricerca sono ampiamente utilizzati per trovare i video di salute, ma anche molti altri canali, tra cui newsletter, social media e YouTube, sono importanti.

Desktop / laptop e tablet sono il dispositivo più popolare per guardare video on-line per la salute. Questo non sorprende, se si guardano infatti le tendenze in altri mercati, si capisce come in genere gli smartphone siano utilizzati principalmente per la ricerca di informazioni,  mentre desktop per la ricerca più approfondita.

Cybercitizen Health Europe 2013 è stata effettuata nel terzo trimestre del 2013 e ha coinvolto 3.005 persone provenienti dal Regno Unito, Francia, Italia, Spagna e Germania.