Se trovi interessante questo articolo, iscriviti alla Newsletter mensile di Digital Pharma.
Lascia l’indirizzo email nel box a destra e sarai sempre aggiornato sul mondo del marketing e della comunicazione farmaceutica.
Oscar Lambrughi

Cornerstones4Care: Novo Nordisk parla proprio a te.

ottobre 15, 2012 in Case Studies

Il sito di supporto al paziente sta assumendo sempre più importanza fra gli strumenti di comunicazione digital delle aziende farmaceutiche. Questa tipologia di sito web offre ai pazienti informazioni sulla patologia, suggerimenti per uno stile di vita corretto e su come convivere con la malattia, magari anche includendo una componente social o di gaming.

Alcuni esempi che abbiamo descritto in articoli precedenti:

In generale per sviluppare una piattaforma di questo tipo occorre identificare il profilo del “paziente tipo”, ma cosa si può fare quando i pazienti hanno molteplici “profili tipo”?

Un esempio di come è possibile dialogare efficacemente con una variegata popolazione di pazienti lo offre il sito Cornestones4Care sviluppato da Novo Nordisk per i pazienti affetti da diabete.

La home page del sito permette, infatti, ai pazienti di auto-definirsi in base alle proprie specifiche necessità informative, chiedendo al visitatore di cliccare sul profilo che meglio lo rappresenta:

  • Mi è appena stato diagnosticato il diabete.
  • Ho il diabete di tipo 1 oppure offro assistenza a una persona affetta da diabete di tipo 1.
  • Non sono soddisfatto della mia terapia attuale.
  • Mi è stato consigliato di cercare un nuovo farmaco da utilizzare.
  • Sto bene, ma posso stare meglio.
  • Sto solo ricercando delle informazioni.

 cornerstones4care

Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Sanofi: fronte compatto contro il diabete

settembre 21, 2012 in Case Studies

L’impegno manifestato sul web da Sanofi per il diabete è evidente, l’azienda ha attualmente attive: una pagina facebook, un account twitter e 3 piattaforme di engagement con i pazienti. Con questo post mi piacerebbe illustrare cosa è stato fatto da Sanofi nel tempo e come è stata sviluppata la sua presenza online dedicata a quest’area terapeutica.

Il social in azienda

Come ogni iniziativa aziendale, la presenza social di Sanofi è stata fermamente supportata da un membro influente della business unit di riferimento, in questo caso parliamo di Dennis Urbaniak, direttore dell’area Sanofi US Diabetes.

In un’intervista del 13 agosto ,rilasciata a digital intelligence blog, Urbaniak afferma che il canale social non deve essere considerato dall’azienda come un canale promozionale, ma come mezzo per ascoltare ciò che i pazienti hanno da dire e per trarne degli approcci ottimali, che successivamente potranno essere riutilizzati per la comunicazione di brand su canali tradizionali.

Sanofi TwitterIl team di Sanofi dedicato al social media negli Stati Uniti è guidato da Laura Kolodjeski e Michele Poz, che si coordinano costantemente con il team responsabile delle comunicazioni US, composto da Susan Brooks, Lindsey Schedler e Jack Cox.

Laura Kolodjeski è la community manager di Sanofi Diabetes: oltre a dirigere la comunicazione social, è l’autrice dei post pubblicati sul blog “Discuss Diabetes” .

Un altro aspetto importante che Urbaniak sottolinea è quello della necessità di essere trasparenti con i propri interlocutori sul web riguardo alla propria presenza e ai propri obiettivi, che consistono nell’ascoltare le comunità che si vogliono aiutare e, quando viene ritenuto appropriato, parteciparvi.

Tale principio di trasparenza è rispecchiato anche dal fatto che Laura Kolodjeski si sia presentata ai propri lettori di Discuss Diabete pubblicando la propria biografia , la propria foto e dichiarando apertamente di non essere diabetica.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Crowdsourcing per il pharma con Sanofi

agosto 28, 2012 in Case Studies

Data Design DiabeteIl 16 luglio scorso Sanofi ha annunciato i vincitori del suo contest USA “Data Design Diabetes Innovation Challenge” .

 

Cos’è il Data Design Innovation Challenge?

La sfida lanciata da Sanofi è quella di sviluppare delle soluzioni innovative per la cura e la prevenzione del diabete a partire da un’attività di crowdsourcing iniziale, in cui vengono definite le aree di maggior interesse da parte dei pazienti affetti da diabete e che necessitano di innovazioni al loro interno.

I team che partecipano al progetto devono dunque individuare eventuali necessità di pazienti e/o caregiver non ancora soddisfatte dai modelli di business esistenti.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Comunicazione integrata per le Olimpiadi di Londra 2012

agosto 3, 2012 in Case Studies

Sono iniziati i giochi olimpici di Londra 2012 e milioni sono le persone in tutto il mondo a seguire con attenzione gli atleti e le loro imprese sportive.

Ma cosa c’entra il pharma in tutto ciò?

Ebbene, l’azienda inglese GlaxoSmithKline ha colto l’occasione per diventare partner ufficiale delle olimpiadi, con tutta la visibilità mediatica che ne deriva.

Ecco quindi questo interessante caso di DTC in cui tutti i canali, sia offline che online, permettono ai messaggi dell’azienda GSK di diffondersi in modo virale e di andare a impattare positivamente l’immagine di brand.
 

GlaxoSmithKline e il King College

GSK è il provider ufficiale di servizi di laboratorio per le Olimpiadi di Londra 2012: è importante notare che per la prima volta un’azienda farmaceutica viene coinvolta nei giochi olimpici per garantirne l’etica e la correttezza.

L’azienda, collaborando con il King College, fornisce strutture e attrezzature per far sì che i tecnici del laboratorio di analisi del King possano operare indipendentemente all’ interno di un laboratorio accreditato dalla Anti-Doping Agency World (WADA) durante i Giochi.
GSK metterà dunque a disposizione il suo laboratorio di Harlow, situato a 45 minuti dal Parco Olimpico, per testare i campioni di urina degli atleti.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

1 Mission 1 million: la comunicazione online per coinvolgere e promuovere

luglio 19, 2012 in Case Studies

Il primo giugno scorso Boehringer Ingelheim ha annunciato che, per la propria campagna di sensibilizzazione globale sulla fibrillazione atriale 1 Mission 1 Million , collaborerà con il provider di piattaforme online per le raccolte fondi ammando.

Introdurrà dunque delle novità rispetto all’edizione 2011, in particolare verrà data la possibilità al pubblico di finanziare direttamente i progetti preferiti via web, grazie a una piattaforma dedicata.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

MAPS: una soluzione per l’aderenza alla terapia

luglio 18, 2012 in Case Studies

I danni della non aderenza alle terapie

In alcuni post precedenti vi avevo già parlato del problema della non aderenza alle terapie e delle conseguenze che questo fenomeno può avere per la comunità in termini di costo per i sistemi sanitari nazionali e per le aziende farmaceutiche come causa di perdita di fatturato.
Oggi vi parlo di una soluzione alla non aderenza messa a punto da Boehringer Ingelheim, che non solo riguarda i pazienti, ma coinvolge attivamente anche i farmacisti.

 

Il CBI Summit

Durante l’undicesima edizione del Summit on Patient Adherence, (26, 27 aprile 2012), sponsorizzato dal Center for Business Intelligence, sono stati assegnati tre premi alle migliori iniziative per la promozione dell’aderenza alle terapie attraverso  Stakeholder e Patient Engagement, ideate da aziende farmaceutiche, compagnie assicurative e datori di lavoro.
L’obiettivo è quello di promuovere nuovi approcci e mostrare varie strategie di comunicazione per influenzare il comportamento del paziente, presentando case studies di successo, come esempi di possibili  soluzioni al problema dell’aderenza alla terapia.

I tre vincitori:

  1. MedCo (Compagnia assicurativa)
    Iniziativa: Express Scripts
  2. Evive Health (Datore di lavoro)
    Iniziativa: Communications on Evidence-Based Care
  3. Boehringer Ingelheim (Azienda farmaceutica)
    Iniziativa: Eleven Dimensions of Non-Adherence

Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Boehringer Ingelheim lancia MyCancerCircle

giugno 14, 2012 in Case Studies

mycancercircle communityIl 31 maggio scorso Boehringer Ingelheim ha annunciato il lancio di MyCancerCircle.net uno strumento online gratuito e personalizzabile che permette ai caregiver di persone malate di cancro di organizzare e coordinare una cerchia di familiari e amici che si offrono di fornire un sostegno pratico ed emotivo.

 

L’online tool, sviluppato in associazione con Lotsa Helping Hands
e CancerCare, è stato presentato dall’azienda farmaceutica in occasione del meeting annuale della American Society of Clinical Oncology (ASCO) a Chicago.

Boehringer Ingelheim riconosce che i caregivers forniscono un supporto enorme ai propri cari affetti da cancro, e anch’essi hanno bisogno di essere sostenuti”, ha detto Kevin Lokay, Vice Presidente e Responsabile Unità di Business Oncologia di Boehringer Ingelheim.
“Questo servizio dimostra l’obiettivo di Boehringer Ingelheim che è quello di aiutare non solo i pazienti affetti da cancro, ma anche coloro che si prendono cura di loro ogni giorno. Siamo entusiasti di collaborare con CancerCare e Lotsa Helping Hands in questa importante iniziativa
“.
Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Il caso Bayer e “l’incidente” su Twitter

maggio 16, 2012 in Case Studies

Occorre imparare anche dagli errori e per questa ragione vi propongo oggi un caso di una bad practice aziendale.

Si tratta del primo caso di violazione del codice della Prescription Medicines Code of Practice Authority (PMCPA) in ambito di promozione via social network.

La PMCPA e il codice di condotta ABPI

La PMCPA è l’autorità inglese che controlla che non vi siano effrazioni del codice di condotta dell’ Association of the British Pharmaceutical Industry’s (ABPI) . Tale codice regola:

  • La promozione ai professionisti sanitari dei medicinali su prescrizione;
  • La diffusione al pubblico delle informazioni riguardanti i medicinali su prescrizione nel Regno Unito.

Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

Performance-based DTC: il caso Nuvigil

aprile 4, 2012 in Case Studies

Con questo post presento un esempio di “strategia Pull”: il caso USA Nuvigil.

Come abbiamo già precedentemente sottolineato, il mercato farmaceutico italiano è ben diverso da quello americano e particolarissimo, ma ciò nonostante l’analisi di questo caso può mettere in evidenza alcuni spunti, che potrebbero essere utili anche per noi.

Di cosa si tratta.

Nuvigil è un farmaco che aiuta il paziente a combattere l’eccessiva sonnolenza dovuta a uno dei seguenti disturbi del sonno: apnea ostruttiva del sonno (OSA), disturbo del sonno da lavoro a turni (SWD) o narcolessia.
Per la campagna pubblicitaria del suo farmaco Nuvigil, la Cephalon ha utilizzato la performance-based DTC, collaborando con due agenzie esterne: la QualityHealth e la DraftFCB.
QualityHealth usa tecniche di promozione media che agiscono a monte: search engine marketing, display e altre tipologie di advertising, per far si che le persone visitino il proprio sito dedicato alla salute e, nello specifico, al fornire delle indicazioni utili a gruppi di pazienti affetti dalla stessa malattia.
DraftFCB , invece, è un’agenzia pubblicitaria internazionale, che ha affiancato QualityHealth per lo sviluppo del concept creativo per la pubblicità.

Leggi il resto di questa voce →

Oscar Lambrughi

PharmaCONNECT: farsi trovare dal medico dove e quando vuole.

aprile 2, 2012 in Case Studies

Questo mese ho portato in evidenza svariati esempi di come le aziende farmaceutiche possano essere in contatto con i medici e possano entrare in relazione con i propri pazienti (chiaramente quando e dove è possibile farlo). Ma le aziende del pharma non sono le uniche a sviluppare tali soluzioni, molto spesso sono delle aziende esterne a fornire servizi utili ai medici. In casi come quello che vedremo ora,  è l’azienda farmaceutica che deve assicurarsi di essere presente nei materiali informativi come quelli proposti da Physicians Office Resource.

Di cosa si tratta.

Physicians Office Resource (POR)  è un portale web USA, in cui i medici possono trovare informazioni e commenti relativi a strumenti diagnostici e a farmaci, fornite direttamente dalle principali aziende produttrici. Il medico può ricercare lo strumento/farmaco sul portale, leggere i commenti degli altri utenti e confrontare le caratteristiche, ma l’elemento più importante è la possibilità di contattare direttamente l’azienda per ricevere  maggiori e più dettagliate informazioni.
Le soluzioni offerte da POR sono:

  • DiagnosticsCONNECT .
    Si tratta del primo strumento lanciato da Physician Office Resource, è dedicato agli strumenti diagnostici. Utilizzando questo database è possibile ottenere informazioni dettagliate e confrontare le specifiche tecniche di diversi strumenti atti a diagnosticare una particolare malattia.
  • CommunityCONNECT.
    Strumento dedicato allo scambio di idee riguardo alle ultime novità in campo medico. E’ possibile cercare risposta a domande frequenti, cercare particolari articoli di blog o entrare in contatto con i principali esperti ed editor di riviste di settore.
  • PharmaCONNECT.
    E’ l’ultimo strumento lanciato da POR che consiste in un database di medicinali in cui si trova una sezione dedicata ai produttori in cui viene data la possibilità al medico di:

    • Accedere a maggiori informazioni (anche attraverso video educativi);
    • Leggere commenti di altri medici utenti del sito;
    • Contattare la field force (via live chat o telefono)o prendere un appuntamento;
    • Richiedere e-samples.
  • eHealthCONNECT.
    Uno strumento simile ai precedenti, ma focalizzato sugli strumenti di EMR (Electronic  Medical Record) e EHR (Electronic Health Record).

Leggi il resto di questa voce →